Foiba di Basovizza, 10 febbraio 2022, giorno del Ricordo dei martiri delle foibe. Il labaro dell’associazione famiglie e congiunti dei deportati italiani in Jugoslavia e infoibati non può entrare perché chi lo porta non ha il Green Pass.

In solidarietà altri labari restano fuori dall’area della cerimonia. “Surreale che una manifestazione che avviene all’aria aperta con il distanziamento interpersonale preveda questo tipo di restrizione” dicono i presenti. “Soprattutto se tali prescrizioni vengono meno nel momento in cui si resta al di fuori dell’area dedicata al monumento nazionale Foiba di Basovizza”.

Pare che nessuna delle istituzioni presenti, pur vedendo la scena, ha deciso di restare al di fuori dell’area assieme al labaro dei deportati e degli infoibati.

Articolo precedenteVaga seminudo a Salassa, scaglia pietra contro carabiniere
Articolo successivoAllarme bomba a Mirafiori, evacuata scuola
Giornale indipendente di Torino.

Rispondi