La mamma doveva dargli una “paghetta” di 70-100 euro settimanali per acquistare la droga, altrimenti per lei sarebbero state botte.

Una donna di Forno Canavese viveva un vero e proprio incubo al quale hanno messo fine i carabinieri della stazione di Barbania che hanno arrestato il ragazzo, un italiano di 23 anni, per maltrattamenti in famiglia: poco prima l’aveva appena minacciata e colpita con diversi calci.

Il fratello dell’aggressore è stato costretto ad intervenire e ha chiamato il 112. I comportamenti del giovane andavano avanti da luglio. La madre è stata trasportata all’ospedale di Cirié dove è stata medicata.

Articolo precedenteTorino nord, senza patente e senza assicurazione scappa dalla polizia
Articolo successivoGiustizia, FdI: ‘Governo non riconosce diritti magistrati’

Rispondi