Si rifiuta di esibire il titolo di viaggio al capotreno, poi lo aggredisce con calci e pugni. Il responsabile, un uomo di 36 anni di origini nigeriane, è residente nella provincia di Bergamo e già noto alle forze di polizia. E’ stato arrestato dai carabinieri, a Perugia, in flagranza di reato, per resistenza a pubblico ufficiale.

E’ successo nella stazione ferroviaria di Fontivegge, all’interno del treno Alta Velocità Frecciarossa, in partenza da Perugia e diretto a Torino Porta Nuova.
I carabinieri, intervenuti su richiesta del capotreno, hanno bloccato l’uomo e lo hanno condotto in caserma per l’identificazione.

Il trentaseienne è stato anche denunciato in stato di libertà per lesioni personali e interruzione di servizio pubblico. Il convoglio ferroviario è infatti partito con un ritardo di circa 25 minuti.

Il capotreno, soccorso e trasportato dal 118 all’ospedale “Santa Maria della Misericordia”, ha riportato varie fratture agli arti superiori. Giudicate guaribili in 30 giorni. Dopo le cure dei sanitari, è stato subito dimesso.
L’arresto è già stato convalidato. Nei confronti del trentaseienne è stata applicata la misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di Bergamo.

Articolo precedenteIl nuovo libro di Alessandro Meluzzi: “infinita pandemia”
Articolo successivoMirafiori Sud, trionfa il Real Crikkio al torneo “Gli Angeli del Quartiere”
Giornale indipendente di Torino.

Rispondi