E’ successo a Pont Canavese, molesta una minorenne puntando un coltello su un autobus Gtt per poi dileguarsi improvvisamente scendendo dal mezzo. I carabinieri hanno arrestato un ragazzo di 23 anni.

I fatti

Il fatto si è verificato venerdì 23 aprile a Pont Canavese. I militari della locale stazione sono stati allertati dal papà di una ragazza di soli quindici anni che aveva poco prima subito una violenza.

La ragazza ha riferito che quella mattina, mentre si stava recando a scuola a bordo dell’autobus Gtt tra Favria e Cuorgnè, era stata avvicinata da un giovane. Il quale dopo averle mostrato un coltello, l’aveva molestata per poi dileguarsi scendendo improvvisamente dal mezzo.

Grazie alla descrizione del soggetto i carabinieri hanno ben presto individuato l’aggressore. Preso mentre percorreva a piedi una via del centro.

Il ragazzo alla vista dei militari ha cercato prima di darsi alla fuga. Successivamente una volta raggiunto, ha ingaggiato una violenta colluttazione con loro che sono riusciti in breve a bloccarlo e a condurlo in carcere.

Da tempo aveva comportamenti violenti in casa con la mamma

La mamma, saputo dell’arresto, ha trovato il coraggio di raccontare ai carabinieri vari episodi di violenza subiti nel tempo. In quella stessa mattina con gravi danneggiamenti nella sua abitazione. Nella giornata di sabato il Tribunale di Ivrea ha convalidato l’arresto.

Articolo precedenteFerma la Metro tra Lingotto-Bengasi (appena inaugurata)
Articolo successivoMinacce sui social al figlio 17enne di Pirlo: “Devi morire con tuo padre” – FOTO

Rispondi