I carabinieri di Imperia hanno eseguito nelle province di Alessandria, Asti e Torino 11 misure cautelari. 6 persone in carcere e 5 agli arresti domiciliari, appartenenti a un gruppo criminale attivo in Piemonte e in altre regioni del Nord Italia.

Le accuse, a vario titolo, sono usura, ricettazione, riciclaggio e intestazione fittizia di valori. L’operazione “Sonacai” fa seguito alle indagini “Cops” e “Cops 1”. Che avevano permesso di documentare l’esistenza di un gruppo specializzato in furti in abitazione, avvenuti nel 2019 in provincia di Imperia e in altre zone del Nord Italia. Ai danni di persone sole e anziane.

I militari hanno accertato che il gruppo criminale era costituito da due nuclei familiari di Asti. Nei confronti dei quali il Tribunale di Torino ha già disposto il sequestro di beni mobili e immobili. In particolare, una villa ad Asti del valore stimato di 250 mila euro e un autolavaggio a Nichelino (To) dal valore 60 mila euro. Ma anche contanti per 330 mila euro, 6,5 kg d’oro in lamine per un valore di 350 mila euro, due autoveicoli e preziosi. Inoltre, sono stati sequestrati beni riconducibili all’attività di usura, pari a 110 mila euro.

Articolo precedentePitbull azzanna i padroni, marito e moglie gravi in ospedale
Articolo successivoLaboratorio di farmaci dopanti (clandestino) nel torinese
Giornale indipendente di Torino.

Rispondi