Sono 27 le persone denunciate dai carabinieri forestali del nucleo Cites del distaccamento di Torino Caselle per commercio illecito di parti e prodotti derivati in avorio.

Dopo una serie di controlli effettuati negli ultimi mesi su vari siti web. Nonchè nelle sedi di antiquari e case d’asta nelle province di Torino, Novara, Verbania e Vercelli. Nei controlli sono state riscontrate numerose irregolarità, si è arrivati così alle denunce.

I carabinieri forestali hanno confiscato 258 oggetti in avorio, tra statuette, zanne lavorate e lisce ed oggettistica varia. Per un valore stimato di oltre 150.000 Euro.
Il commercio di avorio è un fenomeno in grande espansione e rappresenta il quarto traffico illegale più esteso al mondo. Solo dopo droga, armi e tratta di essere umani.

Articolo precedenteVaccino Covid, in Gran Bretagna prima dose a una 90enne
Articolo successivoRivoli accende alberi di Natale in tutti i quartieri

Rispondi