Una donna di 46 anni è accusata di prostituzione e pornografia minorile per aver pubblicato filmati della figlia minorenne. Tali reati sono contestati dal Pm Lisa Bergamasco. La donna ora è rinviata a giudizio, dall’udienza di ieri, 3 Maggio 2021.

Secondo l’accusa avrebbe postato online, nell’inverno a cavallo tra il 2019 e il 2020, video della figlia di 15 anni e del fidanzato di 17, intenti a consumare rapporti sessuali.

Filmati porno della figlia in cambio di denaro e buoni spesa

Tali video erano postati in cambio di denaro o buoni acquisto su piattaforme online. Sempre secondo l’accusa, i minorenni sarebbero stati consapevoli di tutto e delle finalità. In un caso specifico, un utente avrebbe offerto alla mamma buoni acquisto per 1500 euro per guardare i filmati pornografici. La data di inizio processo è stata fissata l’8 Novembre 2022.

Articolo precedenteTruffa cellulari, li compravano sotto falso nome e rivendevano
Articolo successivoSei arresti per droga, il gruppo guidato dall’Egitto

Rispondi