Compravamo costosi smartphone e attivavano contratti telefonici usando dati e carte di credito di persone che non ne sapevano nulla. Quattro misure cautelari in carcere sono state eseguite all’alba di oggi dai carabinieri di Grugliasco, nel Torinese. Nei confronti dei componenti di un gruppo accusato di associazione per delinquere finalizzata alla commissione dei reati di truffa. Ma anche sostituzione di persona, indebito utilizzo e falsificazione di carte di credito. Altre nove persone sono indagate a piede libero a vario titolo per aver fatto parte del sodalizio o per concorso.

L’indagine ha portato alla luce l’esistenza del gruppo, di cui facevano parte due impiegati di un centro di telefonia mobile di Torino. Utilizzando i dati delle carte d’identità e gli estremi delle carte di credito di ignare vittime, acquistavano a loro nome sim card e telefoni cellulari.

La truffa consisteva nell’attivare contratti rateali che prevedono la consegna dei telefoni senza che venissero versati anticipi. Poi i prodotti venivano rivenduti prevalentemente all’estero, prima che il truffato si potesse accorgere dell’addebito nella carta.

Con questo metodo sono stati acquisti 63 smartphone e 67 schede telefoniche. Con un danno patrimoniale di 55.000 euro per 5 titolari di negozi di telefonia e per gli intestatari dei contratti telefonici.

Articolo precedenteSan Salvario, vari furti in poche ore. Arrestata coppia rom
Articolo successivoFilmati porno della figlia minorenne. A giudizio la mamma
Giornale indipendente di Torino.

Rispondi