Ritengo sia concettualmente corretto tenere distinte le responsabilità tra coloro i quali, nella loro qualità di Operatori del Diritto appartenenti al Potere Giudiziario, hanno auspicato ma non legiferato la normativa sui pentiti e quanti, in sede propria, l’hanno tradotta in legge dello Stato.

Personalmente ritengo che gli appartenenti al Potere Giurisdizionale non debbano occuparsi di funzioni proprie degli appartenenti al Potere Legislativo e viceversa. Invocare il principio della separazione dei poteri potrebbe apparire una espressione di rigidità mentale degna di Montesquieu, ma in realtà costituisce pragmatico strumento. Utile per evitare sconfinamenti e sovrapposizioni di funzioni e di ruoli.

Pochi appartenenti al Potere Legislativo posseggono una formazione giuridica sufficiente per comprendere limiti e delicatezza della loro funzione e questo determina una produzione normativa abnorme, inadeguata, dannosa e alle volte lesiva di quel comune sentire che può identificarsi con la morale corrente. Purtroppo per essere bravi legislatori non è sufficiente essere i fedeli camerieri della Segreteria di un Partito Politico o del sistema bancario. Anche se ai giorni nostri queste attitudini servili costituiscono presupposto utile per essere inseriti in un Collegio elettorale sicuro e vedere la vita di signori “nessuno ” trasformata in quella di autorevoli plenipotenziari, peraltro cospicuamente pagati con i denari “estorti” ai contribuenti.

Il sistema parlamentare democratico, per come è strutturato oggi, non pone barriere culturali e obblighi formativi ai propri rappresentanti e questa singolarità permette di assistere alle mostruosità legislative che oggi consentono a pluriomicidi di essere rimessi in libertà in forza di una legge dello Stato. Porre in discussione la correttezza di talune “regole democratiche ” – quali la possibilità per ” una robusta schiena rubata all’agricoltura ” di diventare un Parlamentare – potrebbe a taluni apparire blasfemo. Ma talvolta la blasfemia diventa una forma necessaria di igiene mentale

Articolo precedenteWeek and di Vaccini all’open hub del Valentino
Articolo successivoBimbo di 20 mesi muore al Regina Margherita: “un parco in suo nome”
Avvocato, presidente Associazione Synergein

Rispondi