Da anni il centro destra ad Alpignano chiede di intitolare una via a Norma Cossetto, la giovane martire delle Foibe. Dal 1943 al 1947 gli italiani istriani e dalmati furono vittime di atroci torture messe in atto dai comunisti partigiani guidati dal Maresciallo Josip Broz Tito. Un vero e proprio genocidio ed una pulizia etnica di cui Norma Cossetto ne è il simbolo.

La mozione presentata dal Consigliere Comunale di Fratelli d’Italia Davide Martino è stata respinta dalla maggioranza di centro sinistra. Ciò ne consegue che ad Alpignano nessuna via sarà ancora dedicata a Norma Cossetto. Gettata nella foiba nei pressi di Villa Surani dopo essere stata violentata dai partigiani di Tito.

Articolo precedenteMoncalieri, vasto incendio e fumo nero
Articolo successivoGassino, auto incendiata con cadavere carbonizzato

Rispondi