Già prima dell’apertura della metro Bengasi era sorta una domanda: che ne sarà del piazzale? Intorno all’uscita della stazione metropolitana?

A cantiere finito si è scoperto che il piazzale sarebbe rimasto senza nulla, Né un albero, né un cespuglio e men che meno un pezzo di prato, solo una enorme distesa di cemento.

Questa colata di asfalto è stata per di più adibita dal comune a parcheggio a pagamento. Peccato che dal giorno inaugurale ad oggi le auto che hanno posteggiato in questi stalli “si contano sulle dita di una mano”.
“Per parcheggiare in piazza Bengasi, a pagamento, mi allungo alla fermata Italia 61 o Lingotto dove i posteggi sono anche gratuiti”. Racconta un lavoratore che tutti i giorni arriva da Vinovo per raggiungere il posto di lavoro in centro.
In effetti, a parte le zone centrali della città, nelle vicinanze delle fermate della metro non si presentano strisce blu.

Dunque l’esperimento provato dal comune fin’ora non ha fruttato molto guadagno nelle proprie casse. E molti vorrebbero rivedere sorgere il mercato in quella piazza, famosa soprattutto per il commercio fino a una decina d’anni fa.

Articolo precedenteArriva Pony: monopattini privati, ma a noleggio
Articolo successivoAtleti Sportdipiù convocati per i Mondiali di Para-Ice Hockey

Rispondi