Il portiere Gabriele Araudo e il difensore Andrea Macrì, giocatori di para-ice hockey degli Sportdipiù Tori Seduti, sono stati convocati dal coach della Nazionale Italiana Massimo Da Rin per i Campionati Mondiali in programma a Ostrava (Repubblica Ceca) dal 19 al 26 giugno.

Al gruppo si è aggregato, nelle vesti di accompagnatore, anche l’attaccante Gabriele Lanza. L’Italia esordirà ai Mondiali proprio domani (ore 18) contro la Norvegia, per poi affrontare la Russia (domenica 20 alle 17.30) e la Slovacchia (martedì 22 alle 17.30). In caso di qualificazione, gli Azzurri giocheranno i quarti di finale mercoledì 23, mentre le eventuali semi-finali e finali sono in programma rispettivamente venerdì 25 e sabato 26.

Obiettivo Pechino 2022

A testimoniare l’importanza dell’appuntamento iridato è la posta in palio: in caso di 5° posto finale, infatti, si otterrebbe il pass per le Paralimpiadi Invernali di Pechino 2022: “Riprendere a giocare eventi internazionali – ammette Lanza – dopo due anni di stop forzato a causa della pandemia di Covid-19 è importantissimo per tutti noi. Con l’annullamento degli Europei in programma lo scorso anno, l’ultima grande competizione si è infatti giocata a maggio 2019 sempre con i Mondiali.

L’obiettivo, non dobbiamo nasconderci, è quello di arrivare tra le prime 5 per qualificarci alle Paralimpiadi senza essere costretti a passare dal torneo finale. In un’ottica di lungo termine, invece, sarà di fondamentale importanza permettere ai giovani di acquisire esperienza internazionale. In modo da costruire una squadra preparata e ben organizzata che possa competere ai massimi livelli ai Giochi di Milano e Cortina nel 2026. Una Paralimpiade in casa è un evento più unico che raro, dovremo fare bella figura”.

Le parole di Antonucci

A testimoniare tutto l’orgoglio della società Sportdipiù è invece il consigliere e segretario Giuseppe Antonucci, delegato alle attività paralimpiche per la FISG Federazione Italiana Sport del Ghiaccio. “Lo stato d’animo della squadra – commenta – è altissimo, con la volontà comune di arrivare al pass per Pechino già durante questi Mondiali. I nostri giocatori Araudo e Macrì sono prontissimi a giocare coralmente e fino all’ultimo respiro. Con tutto il resto del team Italia indistintamente dalla squadra di appartenenza. L’entusiasmo che trasmettono all’interno dei Tori Seduti è emblematico della voglia di vittoria della Nazionale. Tutta Sportdipiù si unirà a loro per accompagnarli durante questa fantastica avventura”.

Articolo precedenteIl flop del comune per il parcheggio di piazza Bengasi
Articolo successivoBarriera di nuovo in strada contro spaccio violenze
Giornale indipendente di Torino.

Rispondi