I fiumi respirano, cioè emettono ciclicamente anidride carbonica. Questa è la conclusione cui è giunto il progetto internazionale Eurorun (Assessing CO2 Fluxes from European Running Waters). Che ha coinvolto 16 gruppi di 11 nazioni europee. Il team italiano era costituito da Stefano Fenoglio dell’Università di Torino e Alberto Doretto dell’Università del Piemonte Orientale, che lavorano entrambi anche presso il Centro per lo Studio dei Fiumi Alpini (Alpstream).

I fiumi respirano: lo studio

Lo studio, appena pubblicato su Communications Earth & Environment, rivista del gruppo Nature, svela per la prima volta il ruolo dei fiumi nel ciclo dell’anidride carbonica. Rivelando come la produzione di anidride carbonica nei sistemi d’acqua corrente segua un pattern complesso in cui interagiscono fattori climatici, latitudinali, ambientali ed ecologici.

Insomma, ritenere che gli elementi naturali siano dotati di vita propria, aspetto ricorrente in moltissime culture tradizionali e nelle credenze animistiche… Non è un pensiero lontano dalla realtà.

Articolo precedenteMoncalieri, si schiantano in moto. Nel sangue alcol e cannabis
Articolo successivoIl nuovo libro di Alessandro Meluzzi: “infinita pandemia”
Giornale indipendente di Torino.

Rispondi