Tralasciando le polemiche (e le follie) sulle varie incongruenze dei vari DPCM, bisognerebbe chiarire meglio quando bisogna utilizzare la mascherina negli spostamenti, soprattutto per evitare multe.

In auto

Viaggiare in auto con persone conviventi: è possibile stare nell’abitacolo senza la mascherina e senza distanziamento sociale.
Se ci si trovasse in auto con persone con cui non si convive è sempre obbligatorio indossare la mascherina e rispettare la distanza. Anche nel caso si tratti di congiunti ma non conviventi.
Stessa regola se in auto ci fosse anche solo una persona non confivente: tutti con mascherina e la verifica sarà effettuata esibendo un documento di identità (o una dichiarazione alternativa).
Rimane ovvio che le stesse regole valgono per utilizzo di taxi o trasporti con conducente.

In moto

Essendo il viaggiatore all’aperto, l’utilizzo della mascherina sotto al casco è sempre obbligatorio.  Dato chenon è possibile garantire il distanziamento sociale, si potrà portare un passeggero solo se convivente, sempre con l’obbligo della mascherina.

In bici e monopattini

Si deve sempre indossare la mascherina. L’unica eccezione è per i bambini piccoli, trasportati nel seggiolino sulla bici esclusivamente da un convivente.

Le multe

Le sanzioni previste per chi non rispetta le regole è una multa che va dai 400 ai 1.000 euro.

Articolo precedenteBatosta dalla UE: tagli alle pensioni per i prossimi tre anni
Articolo successivoVia De Sanctis, bevevano nel bar con serranda abbassata
Giornale indipendente di Torino.

Rispondi