Durante il consiglio comunale che si terrà il 5 giugno l’opposizione (Partito Democratico, Movimento cinque stelle e il gruppo “Uniti per Giovanni Falsone Sindaco) presenterà una mozione che impegna il Sindaco Bosso a “ribadire pubblicamente i compiti e i poteri del Presidente del Consiglio e ad impedire che la Presidenza del Consiglio svolga funzioni attinenti all’esecutivo”.

Questa mozione è scaturita da alcune dichiarazioni del Presidente Gambetta volte a ricostruire la storia politica dell’FM5 e di come il Movimento cinque stelle con un emendamento in parlamento, lo scorso anno, stava scippando la Città di Orbassano della fermata presso l’Ospedale San Luigi Gonzaga, emendamento poi ritirato grazie all’intervento immediato della Lega e di Forza Italia.

Con il massimo rispetto per il lavoro dell’opposizione riteniamo che i cittadini in questo momento si aspettano risposte sulla ripartenza post-coronavirus e sulla “fase 2” e non delle sterili polemiche politiche volte ad attaccare questo o quell’avversario per ottenere un minimo di visibilità, tra l’altro inopportuna e provocatoria.

Valutiamo le dichiarazioni del Presidente Gambetta in linea con quella che è la sua funzione di consigliere incaricato dell’FM5 valutata anche la sua esperienza maturata in anni di amministrazione sul tema. Consideriamo più gravi le dichiarazioni del Consigliere Luca Di Salvo (PD) che riferendosi alla questione dichiara “non c’è alcun regolamento che dice che i consiglieri debbano dire la verità”; si tratta di una grave affermazione che lede l’autorevolezza del Consiglio Comunale e della politica tutta a maggior ragione se pronunciate dal Vicepresidente del consiglio comunale: ci auguriamo che lo stesso ritratti al più presto l’uscita infelice.

Articolo precedenteNichelino, malato di Sla dona ventilatore polmonare, nominato Cavaliere al Merito
Articolo successivoValle d’Aosta, storico albergo/rifugio propone lo smart working alpino
I Comunicati Stampa arrivati in redazione

Rispondi