Arriva la conferma dal pre-Report settimanale del Ministero Salute – Istituto Superiore di Sanità. Relativo alla settimana 15-21 novembre, in cui si vede il Piemonte rimanere in zona bianca. Medici e specialisti sono ottimisti e non percepiscono preoccupazione per l’aumento minimo della diffusione, che è fisiologica del periodo.

Il numero dei nuovi casi aumenta leggermente ma senza destare allarmismi, come nel resto del territorio nazionale. L’Rt calcolato sulla data di inizio sintomi passa da 1.24 a 1.21. La percentuale di positività dei tamponi dall’1% al 2%.

L’incidenza è di 93.86 casi ogni 100 mila abitanti. Mentre il tasso di occupazione dei posti letto sale resta molto basso, senza creare problemi per i ricoveri.

Articolo precedenteCarnevale di Ivrea, niente battaglia delle arance nel 2022
Articolo successivoLa mostra LANA, le trasformazioni di un’industria e l’Associazione Laniera Italiana

Rispondi