Il pubblico ministero Valerio Longi aveva chiesto in totale 75 anni complessivi per i 15 imputati.

Il Tribunale di Torino ha assolto stamattina i membri del CDA e del collegio sindacale di Seat Pagine Gialle, accusati di bancarotta fraudolenta. Secondo il giudice “il fatto non sussiste”, il reato contestato era un maxi dividendo del 2004 di cui avevano beneficiato tutti gli azionisti.

Articolo precedenteDomodossola, Preioni (Lega) ‘riaprire subito il country pediatrico’
Articolo successivoArriva lo scooter sharing, ma evita le periferie torinesi
Cronaca, quartieri, politica, esteri

Rispondi