Convalidato l’arresto di un militante anarchico di 37 anni, arrestato dalla Digos a Torino per porto illegale di esplosivi in luogo pubblico. L’uomo faceva parte di un gruppo formato da 50 anarchici, che la sera del 24 gennaio si era trovato in presidio all’esterno del locale Centro di Permanenza e Rimpatri di Corso Brunelleschi per protestare contro la politica immigratoria e contro i rimpatri degli stranieri.

La Digos di Torino ha individuato l’anarchico mentre accendeva petardi illegali, motivo per il quale è stato poi bloccato, al termine della manifestazione, in via Monginevro. Dove, pochi istanti prima, era stata udita un’altra forte deflagrazione. Con la perquisizione personale all’interno del suo zaino, sono stati trovate tre ‘bombe carta’ artigianali, un artifizio esplodente privo di etichettatura, un coltello a serramanico e un accendino. 

Nel corso della successiva perquisizione alla sua abitazione a Monastero di Lanzo sono stati rinvenuti e sequestrati ulteriori quattro artifici esplodenti di fabbricazione artigianale.

Articolo precedenteTorino, gestiva lo spaccio tramite app ‘a tempo’
Articolo successivoCandiolo, primi interventi al mondo con intelligenza artificiale

Rispondi