Nella capitale moldava Chisinau le autorità locali stanno indagando sulla morte di Cristina Toncu, 30 anni, cake designer residente a Chivasso. Il decesso della giovane piemontese è avvenuto lo scorso 2 settembre nell’ospedale della capitale dello Stato dell’est Europa.

Cristina insieme al marito si era recata in Moldavia per tentare una terapia di fecondazione assistita.
Il problema si è verificato durante il prelievo degli ovociti dalla donna. Che è andata in arresto cardiaco e successivamente è entrata in coma. Del suo caso si è interessato anche il Ministero della Sanità moldavo.

I famigliari della chivassese si sono affidati a dei legali per seguire gli sviluppi delle indagini, Cristina aveva conosciuto suo marito Stefan in Moldavia e lo aveva poi sposato quattro anni fa. La decisione della fecondazione è scaturita dalla condivisa voglia di avere un figlio.

Articolo precedenteIncendi, 21 denunciati dalla forestale nel cuneese
Articolo successivoDamilano, la scelta perdente della destra
Cronaca, quartieri, politica, esteri

Rispondi