Intorno ai frequentatori del centro sociale L’Asilo Occupato, a Torino, “si era formato un gruppo che aveva dato vita a un’associazione sovversiva”. E’ la tesi sostenuta oggi dal pm Manuela Pedrotta all’udienza preliminare dell’inchiesta Scintilla sulla galassia anarchica. Gli imputati sono 18.

Secondo il magistrato, che ha ribadito la richiesta di rinvio a giudizio, il gruppo “voleva contrastare con metodi violenti le politiche dello Stato in materia di immigrazione”. Ricorrendo anche all’invio di plichi esplosivi, prendendo di mira le aziende che collaboravano con i Cie (oggi Cpr).

L’inchiesta Scintilla culminò il 7 febbraio 2019 in sette arresti. Nell’occasione fu anche sgomberato il centro sociale.
L’associazione sovversiva è contestata a sedici imputati su diciotto.

Articolo precedenteManifestazioni Torteria di Chivasso, ipotizzato reato (anche) penale
Articolo successivoCantiere Metropolitana interrotto, reperti archeologici
Giornale indipendente di Torino.

Rispondi