Armi non dichiarate nella loro azienda agricola, due fratelli di 40 e 44 anni sono stati arrestati dai carabinieri.

Nel corso di una perquisizione in un casolare di proprietà dei due agricoltori, a Busano nell’hinterland torinese, i militari in un deposito dell’azienda agricola hanno trovato e sequestrato una rivoltella e un moschetto. Risalenti alla Prima guerra mondiale. Ma funzionanti e non censiti nelle banche dati.

I due uomini sono stati posti agli arresti domiciliari, in attesa di essere giudicati con rito direttissimo. Le armi verranno inviate al Ris di Parma, per ulteriori accertamenti.

Articolo precedenteMetropolitana di Torino, tornano gli orari normali
Articolo successivoSanta Rita, 63enne accoltella donna alla schiena e minaccia il fidanzato
Giornale indipendente di Torino.

Rispondi