Assembramenti, spaccio e nessun controllo in Barriera: questa la denuncia sui social di Matteo Rossino, portavoce di Torino Tricolore. Che dopo il servizio a Le Iene ha deciso di andare a documentare la situazione nella periferia nord della città.

“Dopo gli ultimi avvenimenti in Barriera, ho voluto andare a vedere con i miei occhi se per caso la situazione fosse cambiata”. Ha dichiarato Rossino “ma come pensavo in questa zona è sempre peggio. Gli stranieri gestiscono le piazze e le usano per spacciare e spesso nascono risse”.

Barriera, spaccio e assembramenti documentati dalle foto di Rossino

“La cosa davvero assurda, e che mi fa infuriare, è il fatto che a queste persone si permetta di non rispettare nessuna regola – prosegue Rossino. – Mentre a noi, da più di un anno, chiedono sacrifici. Ci fanno chiudere attività e ci accusano se usciamo a bere qualcosa con gli amici.”

“Come sempre due pesi e due misure. Ma i torinesi sono stanchi di tutto questo, la rabbia è grande nelle periferie. – Ha concluso Rossino – “Sono troppi anni che, in quartieri come questo, gli italiani sono stati dimenticati dalle istituzioni. Noi invece siamo pronti a scendere in piazza e metterci la faccia per difenderli”.

  • barriera assembramenti pusher
Articolo precedenteIl Pd vuole candidare Claudio Marchisio a sindaco di Torino?
Articolo successivoBlack Taxi abusivo, sanzionato nigeriano
I Comunicati Stampa arrivati in redazione

Rispondi