In arrivo le informative: rischiano fino al licenziamento i ventimila i sanitari piemontesi che non si sono ancora vaccinati contro il Covid.

“Non sono ventimila no vax, sono 20mila soggetti che al momento non risultano vaccinati. Ma le motivazioni possono essere plurime”, spiega Antonio Rinaudo, coordinatore dell’area giuridica dell’Unità di crisi regionale. In occasione della visita all’hub vaccinale del Valentino con il governatore Alberto Cirio. Nei loro confronti, spiega l’ex magistrato, “la legge impone la linea dura”. Che può arrivare fino al licenziamento.

Nei prossimi giorni una informativa sarà inviata loro. Come anche all’Ordine professionale di appartenenza e al datore di lavoro. “L’ordine provvederà a sospendere. Mentre il datore di lavoro o toglierà quel lavoratore dalla sua mansione a contatto con le persone. Oppure sospenderà lo stipendio”, spiega Rinaudo.

Articolo precedentePiemonte, Cirio “contenti che si possa stare in 6 al ristorante”
Articolo successivoTragedia sul lavoro nel cuneese: morti due operai in una cisterna
Giornale indipendente di Torino.

Rispondi