La piaga dello spaccio sta affliggendo anche via Martorelli in Barriera di Milano. A denunciare sui social l’ennesima via di Barriera diventata anch’essa, da poco, area degli spacciatori, è Giulia Magro.

Commerciante della via con un negozio di forniture elettriche, da circa un anno denuncia in vari modi lo spaccio crescente (soprattutto di immigrati) nella via.

Barriera, le parole della commerciante di via Martorelli che denuncia lo spaccio da oltre un anno

Raggiunta telefonicamente, dopo l’ennesimo sfogo su Facebook (ripreso anche da Torino Tricolore sulla propria pagina). “Ieri pomeriggio circa 20 immigrati stazionavano all’angolo con via Bairo” tuona Giulia. “La polizia invitata a intervenire mi ha risposto che era impegnata da altre parti”. L’esercizio commerciale già fortemente penalizzato dalla pandemia, si trova fra via Rondissone e via Bairo.

“Fino a un anno fa – prosegue la commerciante – era ancora vivibile la via. Ultimamente, dalle 17 in poi c’è assembramento agli angoli di immigrati dediti allo spaccio. Qua vicino c’è una scuola media ed elementare. Non vogliamo che anche questa zona diventi un ghetto”.

E la polizia? “La polizia multa i bar ma non fa niente per questo schifo”, le parole di fuoco di Giulia.

Rispondi