Nella fretta di portare a termine l’atto criminoso, un ladro ha preso, insieme ad altra refurtiva, un foglio sul quale era stampata la dichiarazione dei redditi della vittima.
Per questo motivo gli agenti hanno percepito di avere a che fare con un ladro.

L’uomo è un cittadino italiano di 36 anni, che si era introdotto in casa della vittima attraverso una porta finestra del balcone. Qualche ora dopo il furto, che è avvenuto sabato 27 novembre, è stato soggetto ad un controllo in Piazza Robilant a Torino.

Gli agenti, nel fermo, si sono accorti che oltre al notebook e alla mountain bike vi erano altri documenti personali. Che nulla avevano a che fare con l’uomo fermato casualmente.
In prima serata, verso le 19, gli uomini del commissariato San Secondo hanno chiamato il derubato e lo hanno convocato negli uffici di via Massena per metterlo al corrente del furto subito.
Il 36enne, già noto alla Polizia, aveva un obbligo alla firma giornaliera e un obbligo di dimora nella Città Metropolitana di Torino.
È stato arrestato per furto in abitazione.

Articolo precedenteIn bici in tangenziale, fermato un bengalese
Articolo successivoRapina in banca stile “casa di carta”: 3 arresti a Torino
Cronaca, quartieri, politica, esteri

Rispondi