La giunta Appendino vuole copiare sempre più il modello di viabilità del nord Europa. Ha proposto infatti i 20 chilometri orari nelle vie più piccole, insieme alla creazione di corsie ciclabili e “case avanzate” lungo i controviali cittadini.

Il progetto adesso si trova in piena fase esecutiva. Prima della sua ultimazione, prevista per il 2022, sarà necessario il rifacimento dell’asfalto nei controviali interessati. Nonchè la nuova segnaletica orizzontale per il limite di velocità, insieme alle così dette bike lane.

Le preoccupazioni e lamentele dei cittadini

I cittadini hanno già molte preoccupazioni in merito, visto il problema della sicurezza (per esempio) di piazza Rivoli. Che ha visto coinvolti in parecchi incidenti i cittadini che hanno scelto la ciclabile. Incidenti dovuti principalmente alla progettazione semplicistica della viabilità, oltre che alla disattenzione. “Alcune delle scelte della giunta, pericolose e mal progettate, porteranno sicuramente a incidenti sempre più frequenti ed ad un aumento del traffico”. Questo è il tenore delle voci che si elevano nel web.

Senza contare la diminuzione dei posti auto, annoso problema per l’economia locale. Dato che la giunta non si è ancora preoccupata di creare posti auto sostenibili né ad un incremento dei mezzi pubblici sostenibili.

Articolo precedenteIncidente sulla Torino Aosta: grave il conducente
Articolo successivoElezioni Torino, anche ItalExit con Paragone in campo con Ivano Verra

Rispondi