Dopo anni di terrore verso gli automobilisti in corso Vittorio, soprattutto donne e anziani, la polizia municipale è intervenuta contro i lavavetri molesti. Parliamo di quelli appostati da sempre al semaforo di Corso Inghilterra angolo corso Vittorio Emanuele II e corso Castelfidardo.

Qui i lavavetri imbrattavano tutti i parabrezza delle auto che gli capitavano a tiro. La richiesta di un obolo in cambio, veniva fatta con le buone o le cattive maniere. 15 lavavetri molesti, tutti di origine Romena.

Lavavetri aggressivi, l’accampamento abusivo

Sono stati identificati dai vigili nel giardino Artiglieri di Montagna, dietro il terminal degli autobus in corso Vittorio Emanuele II. Qui gli abusivi erano soliti accamparsi di notte con tende e materassi. E così dopo un attento monitoraggio sull’asse che va da Corso Inghilterra e corso Vittorio e corso Regina, i vigili sono intervenuti.

Parecchie sono state in precedenza le lamentele dei residenti delle zone interessate Cit Turin e San Donato (come denunciato dal quotidiano CronacaQui). Il blitz è scattato dopo le denunce di alcuni automobilisti che segnalavano molestie e minacce da parte dei lavavetri. Nel blitz sono state sequestrate 56 spazzole. Fra gli identificati un 30enne con precedenti di rapina e violenza sessuale.

Per un altro sempre 30enne, è scattato l’ordine di espulsione per tentata estorsione, furto e ricettazione. L’area del bivacco è stata bonificata dagli operatori Amiat.

Rispondi