Sembra incredibile ma anche negli ospedali della Città della Salute e della Scienza di Torino sono spuntate delle mascherine FFP2 non conformi. Un problema che potrebbe generare inchieste e indagini.

La notizia l’avevamo lanciata in esclusiva qualche giorno fa. Il coordinamento dell’ospedale aveva avvisato gli operatori che le mascherine in dotazione potevano non filtrare correttamente. Sono partite quindi le verifiche e, proprio questa mattina, è arrivata la conferma.

Le mascherine negli ospedali di Torino non filtrano correttamente

L’invito è per gli operatori di indossarle sovrapponendo a una mascherina chirurgica. Sulla questione si apriranno indagini per “falsa certificazione” sulla fornitura.

Medici, infermieri, tecnici e tutto il personale ospedaliero che ha ricevuto questa fornitura è preoccupato. “Se non sono idonee, che senso ha aggiungerle alla chirurgica? Tutti preoccupati per gli aumenti dei contagi e danno mascherine non idonee proprio a chi lavora in ospedale?”. Sono solo alcune lecite domande a caldo di chi, in ospedale, ci lavora tutti i giorni.

Una scoperta che farà discutere. I NAS in passato hanno già effettuato controlli simili sul territorio nazionale, la speranza è che si riesca andare a fondo. “I controlli andavano fatti prima”, e il personale ospedaliero si chiede anche perchè non siano state ritirate immediatamente.

Articolo precedenteDopo la denuncia di Delmastro, Fico ritira mascherine cinesi
Articolo successivoBarriera, Torino Tricolore in via Martorelli ‘sta diventando l’ennesimo ghetto’
Giornale indipendente di Torino.

Rispondi