Scuola: si è svolta la prima riunione plenaria della Consulta di istituto a Torino, due gli eletti per il Blocco Studentesco.

“Non è sicuramente passata inosservata la presenza di Giorgio Zoccatelli e Stefano Sasso, due ragazzi appartenenti al Blocco Studentesco”. Inizia così la nota il movimento giovanile di CasaPound a Torino – “è il risultato dell’essere un’organizzazione giovanile tra le più attive sul territorio nazionale.”

“I giovani rappresentati del movimento partono più agguerriti che mai – continua la nota. “Consapevoli di essere le uniche due voci fuori dal coro in un panorama politico, a livello scolastico, decisamente sbilanciato a sinistra.”

Torino, il Blocco ‘per una scuola d’avanguardia’

“I nostri ragazzi sanno che li aspetta un impegno non indifferente, ma sono ben consci di essere una boccata d’aria fresca proprio in quell’ambito politico-studentesco stantio e a corto di idee che già teme la ventata d’avanguardia che porteranno.”

“I giovani del Blocco Studentesco – conclude la nota – sono pronti a portare avanti la lotta per far tornare la scuola italiana un’eccellenza e lavoreranno per farla uscire dalla palude in cui è stata affossata da anni. È la nostra missione e la nostra promessa. Alla vittoria!”

Leggi anche “Il blocco a difesa dei monumenti”.

Articolo precedenteSiulp Piemonte denuncia ‘indennità polizia? Solo 1.25€ al giorno’
Articolo successivoPositivo al Covid, ma passeggiava per Venaria: ‘stanco di stare chiuso’
I Comunicati Stampa arrivati in redazione

Rispondi