Aveva il tachigrafo alterato un autoarticolato alla cui guida c’era un turco, fermato dalla polizia municipale di Torino. Il blocco all’imbocco della tangenziale nord, all’altezza di corso Vercelli.

Il veicolo era partito da Gebze (Turchia) e, via traghetto, era arrivato al porto di Trieste per poi raggiungere Torino per scaricare della merce. Ma dagli esami sui dati registrati dalla memoria del tachigrafo i civich hanno riscontrato delle anomalie dovute all’alterazione dello strumento. Al fine di occultare le attività di guida.

La manomissione consentiva al conducente di interrompere il segnale di movimento mediante un telecomando, risultando cosi a riposo anche quando stava invece guidando. Oltre al ritiro della patente e la decurtazione di 10 punti, l’autista è stato multato per 1.732 euro. La ditta proprietaria del veicolo per 3.328 euro.

Articolo precedenteUlteriori test per la morte di Fatima
Articolo successivoVittime dell’internazionalizzazione: 40 lavoratori Iveco a rischio licenziamento
Giornale indipendente di Torino.

Rispondi