Orrore a Rivoli, dove un 43enne è stato arrestato dai carabinieri dopo aver accoltellato il cane della convivente, per poi dargli fuoco successivamente.

La colpa del cane? Aver dato un morso allo stesso uomo che successivamente si è avventato su di lui come una furia. All’arrivo dei carabinieri l’uomo, ancora alterato, ha opposto resistenza e nella sua abitazione oltre al coltello servito per l’uccisione del cane, i militari hanno trovato un accendino e una bottiglia di alcol etilico utilizzati per accendere le fiamme. Sono intervenuti anche i veterinari dell’Asl To3 per il recupero della carcassa dell’animale.

bonus

Rispondi