Con il ritorno del lockdown in alcune Regioni ci si ritrova con il coprifuoco su tutto il territorio nazionale.
Il problema sorge per quel che riguarda i ‘bisogni’ serali dei cani, che in Italia sono presenti in molte famiglie.
Il nuovo Dpcm vieta questo tipo di ‘uscita’ dopo le ore 22 e fino alle 5 del mattino.

Gli animali però non regolano la loro vita con i ‘decreti’ e quindi questo stato di cose può creare problemi alle normali abitudini canine e ai loro bisogni fisiologici.
La pena per la trasgressione del coprifuoco, senza motivazione, presente nel decreto parte da 400 €, gli eventuali bisogni ‘fuori orario’ dei nostri amici a quattro zampe sarebbero pagati a peso d’oro.

Le forze dell’ordine incaricate potranno sorvolare su una eventuale uscita nei pressi dell’abitazione per far espletare i bisogni al cane, ma bisognerebbe regolare il tutto con una normativa che consenta tali uscite, senza sperare che “vada bene”.

Articolo precedenteCompie 76 anni Gigi Riva, l’uomo che rifiutò la Juventus
Articolo successivoBorgo Vittoria, il dramma: 79enne si getta dal quarto piano
Cronaca, quartieri, politica, esteri

1 commento

  1. […] Stesso discorso anche per gommisti e supermercati. Il prefetto Claudio Palomba ha risposto così a un quesito di CNA Piemonte. Facendo leva su un principio di “economicità” e sui margini di scelta del consumatore che potrà essere inserita come giustificazione sull’autocertificazione obbligatoria per le Regioni che sono in zona rossa o arancione.Tra le polemiche, anche la possibilità di portare a spasso il cane dopo le 22. […]

Rispondi