Due giovani, poco più che ventenni, sono stati tratti in arresto in flagranza di reato. Il provvedimento eseguito dai carabinieri è per coltivazione illecita di 54 piante di cannabis indica e detenzione ai fini di spaccio di oltre 2 chili di marijuana. Più quasi uno e mezzo di hashish.

La piantagione era stata creata dai due soggetti in una zona boschiva impervia, nel territorio di Castellania Coppi in provincia di Alessandria.
I due giovani, che si erano recati sul posto per le attività di mantenimento e cura, sono stati bloccati prima del tentativo di fuga.
I carabinieri hanno rinvenuto in totale 53 piante, alcune in vasi e altre interrate, di altezza variabile fra i 50 centimetri e i 2 metri. Oltre al materiale per coltivazione, irrigazione e trattamento.

Nell’auto degli arrestati sono stai trovati 63 grammi di marijuana e 8,51 di hashish, già suddivisa in dosi e pronta per la vendita a mezzo posta. In casa di uno degli arrestati ulteriori 4,15 grammi di hashish, in quella del complice quasi 2 chili di marijuana e quasi uno e mezzo di hashish, già suddivisi in dosi di vario peso. Oltre a un’altra pianta di canapa, 2 serre per la coltivazione, una pressa e altro materiale per confezionamento, vendita e spedizione.

Dopo la convalida degli arresti è stato disposto, per i due giovani, l’obbligo di presentazione quotidiana alla polizia giudiziaria. In attesa del processo.

Articolo precedenteIncidente in tangenziale, due feriti e traffico in tilt
Articolo successivoLeinì, un incendio devasta una casa. 84enne in ospedale
Cronaca, quartieri, politica, esteri

Rispondi