È morto Alfredo Racioppi, stroncato da un infarto mentre stava lavorando nello stabilimento Enea di Saluggia.

Il giovane, di 31 anni, stava svolgendo il suo lavoro di vigilante all’Enea. Quando nel primo pomeriggio Alfredo Racioppi si è accasciato a terra e purtroppo i soccorsi sono risultati inutili.
Una terribile notizia quella della morte di Racioppi che si è diffusa molto rapidamente tra i social.

Il giovane era un grande amante del calcio, e un volto molto conosciuto nelle società calcistiche del Vercellese. Era infatti allenatore della squadra Esordienti 2009 del Castigliano.

Articolo precedenteFinta seta e cashmere per 5 milioni: finanza scopre filiera cinese
Articolo successivoPolemiche Museo Lombroso, Cassazione definì giusto conoscerne teorie

Rispondi