Verranno sperimentati a Torino i cannoni d’acqua antismog, già in uso in India e Cina, che dovrebbero abbattere i livelli di pm10 nell’aria.
È stato accelerato l’arrivo di questi strumenti per via di delle sanzioni che l’UE potrebbe infliggere alla Regione Piemonte a causa del troppo inquinamento da smog sul territorio, come già successo alla Romania.

L’assessore regionale Marnati ha rivelato che i cannoni dovrebbero iniziare ad operare da dicembre, e sempre nel corso di questa intervista ha annunciato che la Regione Piemonte ha stanziato 1,6 milioni di euro per i privati e 5 milioni per le aziende, per poter rottamare i mezzi più inquinanti, con contributi dai 2 ai 10 mila euro.

Saranno però così efficaci, come dicono, questi cannoni? Solo il tempo ci darà una risposta.

Articolo precedenteCacciatore di Beinasco muore per infarto in una battuta di caccia
Articolo successivoOrrore a Vigone, cane legato all’albero e ucciso a fucilate

Rispondi