Arriva l’ufficialità: da lunedì 26 aprile il Piemonte sarà in zona gialla, ecco tutti i cambiamenti. Il provvedimento non vale per la provincia di Cuneo, in cui la misura sarà valida soltanto a partire da giovedì 29. Dopo il lockdown e le ultime settimane di zona arancione, si ritorna a una lenta ripresa di tutte le attività finora bloccate. 

Piemonte in zona gialla, il primo step

Sarà possibile spostarsi per l’intero territorio regionale senza limitazioni. Si potranno andare a trovare amici e parenti, con un limite di quattro persone. Anziché le due permesse attualmente.

Ci si potrà spostare anche fra regioni gialle, mentre verso regioni rosse o arancioni servirà il pass. Si dovrà quindi essere muniti di certificato vaccinale, tampone negativo o certificato di guarigione dal covid. 

Bar e ristoranti

Si potrà tornare a pranzare e cenare in bar e ristoranti, ma soltanto se hanno a disposizione spazi all’aperto. Resta in vigore il coprifuoco entro le 22.

Sport e stadi

Sarà consentito lo svolgimento all’aperto di qualsiasi attività sportiva, anche di contatto, come il judo o il karate. Saranno nuovamente consentiti gli sport di gruppo. Anche il calcetto, esclusivamente all’aperto e con il divieto di utilizzo degli spogliatoi.

Musei, teatri, eventi e concerti

In zona gialla riapriranno i musei, mentre gli eventi in teatri, sale da concerto, cinema, live-club e in altri locali o spazi anche all’aperto saranno svolti solo con posti a sedere preassegnati con distanza di almeno un metro. La capienza non potrà essere superiore al 50% di quella massima, ma con un tetto di 1.000 spettatori all’aperto e 500 al chiuso. Alcuni eventi si potranno riservare solo a chi avrà il green pass.

Scuole

Fino alla fine dell’anno scolastico si torna in classe anche nelle scuole superiori. La presenza è garantita, in zona rossa, dal 50% al 75%. In zona gialla e arancione dal 70% al 100%.

La zona gialla dal 15 Maggio

Potranno aprire anche nei giorni festivi centri commerciali e i mercati.

Inoltre il 15 maggio è prevista la riapertura delle piscine solo all’aperto e le attività balneari. In piscina resteranno in vigore le regole di sicurezza anti contagio. Come quella dei 7 metri quadrati di acqua a testa e il divieto di fare la doccia.

La zona gialla dal 1 Giugno

Potranno essere riviste le disposizioni sul coprifuoco, passando come orario di partenza dalle 22 alle 23. O nei migliori dei casi sarà eliminato del tutto.

Ci sarà la possibilità di frequentare le palestre anche al chiuso.
Si potranno aprire, ma solo per il servizio del pranzo, ristoranti e bar anche al chiuso.

Inoltre sempre dal 1 giugno sono aperte al pubblico le manifestazioni e gli eventi sportivi di livello agonistico riconosciuti di preminente interesse nazionale. Con provvedimento del Coni e del Comitato paralimpico. La capienza consentita è pari al 25% di quella massima autorizzata. Ma comunque non superiore a 1000 spettatori per gli impianti all’aperto e 500 per quelli al chiuso.

Dal 15 giugno ci sarà il via libera per la riapertura delle fiere.

Articolo precedenteBonus vacanze 2021, come ottenerlo (e cosa è cambiato)
Articolo successivoLa Loggia, caccia al killer dei gatti. Agisce da più di 30 anni

Rispondi