Torna l’incubo dei morti nelle Rsa in Piemonte dove si è acceso il campanello d’allarme nelle ultime settimane. Sono ben 15 i deceduti di cui 9 nel fine settimana alla “Piccola Reggia” di Venaria Reale.

Altri 17 morti di cui 13 con tampone positivo all’“Asilo dei vecchi” di San Germano Chisone. Sembrerebbero due casi piuttosto isolati rispetto alla media generale rapportata soprattutto alla prima ondata di Marzo e Aprile: nella settimana che va dal 2 al 9 Novembre, la piattaforma Regionale ha calcolato infatti un tasso dell’8 per cento di positivi sul totale degli ospiti delle Rsa, un dato molto inferiore ancora rispetto al primo lock-down.

Rsa in Piemonte, dati in crescita

Tuttavia il dato è in crescita di un 4,5 per cento rispetto alla settimana precedente. Alcuni casi considerevoli sono esistenti a Trecate nel Novarese (60 positivi e 1 solo negativo), o a Castelnuovo Don Bosco (82 ospiti su 96 positivi e 40 dipendenti su 50).
I carabinieri dei Nas stanno ponendo l’attenzione sulle strutture coinvolte per accertare eventuali responsabilità.

Articolo precedenteFsi-Usae, ‘sanità non sono solo medici e infermieri, governo manca di rispetto’
Articolo successivoRapina in Metro, rumeno sbatte la testa di una donna contro il muro

2 Commenti

Rispondi