Il Piemonte sull’orlo della zona rossa a causa del continuo aumento dei contagi. I dati stanno peggiorando. La versione della “pagella” arrivata ieri sera e della quale abbiamo già parlato, confermava la zona arancione per la prossima settimana. Anche se con intensificazione delle restrizioni.

La pagella però sarà da confermare domani, dopo l’esame del comitato tecnico scientifico Nazionale. Esso infatti fissa l’induce Rt del Piemonte a 1,15. Un dato ancora sotto la soglia di 1,25, che raggiunta determinerebbe in automatico la temuta zona rossa.

Piemonte, zona rossa, contagi e ospedali

A preoccupare è anche la crescita della pressione ospedaliera. Nella settimana dal 21 al 28 febbraio, a cui si riferisce il report attuale, si segnala l’incremento nell’occupazione delle terapie intensive. Che sale dal 23 al 29 per cento, appena un punto al di sotto della soglia di allerta fissata dal ministero al 30 per cento.

In aumento anche i ricoveri nei reparti di medicina ordinaria, con un tasso di occupazione dei posti letto che passa dal 33 al 37 per cento, tre punti sotto il 40 per cento, quando scatta l’allerta.

Articolo precedenteZingaretti si dimette ‘nel PD si parla solo di poltrone’
Articolo successivoPiemonte, anche Crescentino in zona rossa

7 Commenti

  1. […] Ben 3902 contagi in più che ha fatto alzare tantissimo l’indice di contagio ogni 100mila abitanti. Il valore è cruciale per definire il colore della regione, e si è attestato a quota 277,45, 27 punti in più rispetto alla soglia di allerta per far scattare la zona rossa. Il provvedimento entrerà in vigore, secondo le regole da tempo adottate dal governo, in base ai numeri rilevati una settimana prima. […]

Rispondi