Una rapina andata male, due sere fa, nei pressi di Porta Nuova. Un marocchino di 36 anni è stato arrestato sabato notte dagli agenti del commissariato San Secondo di Torino. L’accusa è di rapina aggravata e lesioni personali.

I fatti

Intorno alla mezzanotte i poliziotti, in transito all’altezza di corso Vittorio Emanuele II all’altezza di via Sacchi, vedono due uomini picchiarsi. Uno dei due aveva il volto insanguinato avendo un largo taglio allo zigomo e varie tumefazioni in faccia.

L’uomo ferito era appena stato rapinato dal marocchino con cui stava avendo la colluttazione. Egli aveva agito insieme a due complici a loro volta fuggiti. I tre avevano avvicinato e circondato la vittima sfilandogli il portafogli dalla tasca. E così è iniziato lo scontro.

La vittima è stata colpita con dei cocci di bottiglia all’altezza dello zigomo che gli ha causato la ferita profonda. La vittima però non ha desistito difendendosi fino all’arrivo degli agenti. Lui e l’aggressore sono stati trasportati in ospedale. L’aggredito ha avuto 30 giorni di prognosi mentre il rapinatore marocchino ne avrà per 10 giorni.

Articolo precedenteProcesso Eni e Shell tangenti nigeriane, tutti assolti
Articolo successivoPorchietto, protesta dei maestri di sci ‘governo agisca subito’

Rispondi