Martedì 8 Settembre verso le 3 di notte, gli agenti del commissariato Barriera di Milano mentre percorrono corso Giulio Cesare, notano all’altezza di via Palestrina un uomo sospetto che alla loro vista si guarda intorno.

I poliziotti a quel punto gli si avvicinano per controllarlo e notano che nasconde qualcosa in una mano. Quando gli viene chiesto di mostrargli il contenuto l’uomo si da alla fuga ma all’altezza di via Leinì viene bloccato dopo una colluttazione al seguito della quale un agente resta contuso riportando delle escoriazioni.

La perquisizione fa emergere che il Senegalese di 34 anni indossava tre gris-gris – un amuleto portafortuna – uno di questi modificato per eludere eventuali controlli e con un foro per fare uscire le dosi della sostanza stupefacente. È stato così appurato dai poliziotti che l’amuleto conteneva ben 17 dosi crack. Da lì l’arresto del pusher per spaccio e resistenza a pubblico ufficiale.

Articolo precedenteCirio, ‘obbligo di segnare la febbre sul diario’
Articolo successivoRifiuti abusivi a Collegno, l’ira della Lega

Rispondi