Una copertina, una bottiglia e qualche effetto personale imbustato.
Un piccolo giardino fra via Adda e corso Venezia, al riparo dal grande passaggio sia pedonale che automobilistico, nasconde un piccolo giaciglio di qualche sfortunato a cui è probabilmente crollata la vita addosso.

I lockdown e le crisi (non ultima quella dovuta dal covid e dalle scelte del governo) hanno creato molte situazioni spiacevoli ad alcuni torinesi, che si sono ritrovati senza più nulla.

Maggiormente concentrati nella zona centrale della città, era raro trovare in periferia simili situazioni in strada, eppure questo piccolo ricovero si trova in Borgo Vittoria, periferia nord della città, un quartiere storicamente operaio, con le sue difficoltà e le sue bellezze.

Non siamo riusciti ad incontrarlo: speriamo che sia una buona cosa e che abbia trovato una sistemazione o qualche aiuto.

Rispondi