Arrivata l’ufficialità dell’entrata in zona rossa del Piemonte, che avverrà da lunedì 15 marzo. Lo ha comunicato l’assessore alla Salute della Regione Piemonte, Luigi Icardi, a margine di un incontro a Cuneo.

Piemonte in zona rossa da lunedì, intanto continua il piano vaccinale

L’assessore ha detto che verrà adottato un nuovo piano vaccinale con cinque nuove categorie. E la possibilità di somministrate l’AstraZeneca anche a chi ha più di 65 anni.

La priorità sarà sempre per gli over 80. Più alcune categorie professionali come il personale scolastico, sanitario e le forze dell’ordine.

Le categorie che si aggiungono

Le persone con elevata fragilità (persone estremamente vulnerabili o con disabilità grave). Gli anziani tra i 70 e i 79 anni e quelli tra i 60 e i 69 anni.
Anche persone con comorbidità sotto i 60 anni, senza la gravità riportata per le persone estremamente vulnerabili.

Inoltre, se le dosi di vaccino disponibili lo permetteranno, sarà possibile vaccinare all’interno dei posti di lavoro. A prescindere dall’età, fatto salvo che la vaccinazione venga realizzata in sede da parte di personale sanitario competente.

Articolo precedenteContro lo spaccio nelle aree verdi di Borgo Vittoria e parco Sempione
Articolo successivoTragedia a Druento, perde il controllo dell’auto e muore
Giornale indipendente di Torino.

Rispondi