Per tutti i mezzi a motore vige sempre il divieto di sostare con il motore acceso.

Le limitazioni alla circolazione previste per la lotta allo smog nella stagione invernale si applicheranno però in due passaggi diversi: slitta infatti al 1 gennaio 2021 il blocco dei veicoli Euro 4 diesel, mentre sono confermate le misure che prevedono il blocco totale e definitivo di tutti i veicoli Euro 0 e dei diesel euro 1, 2: fermi 24 ore al giorno, tutti i giorni compresi i festivi e per tutto l’anno.

Provvedimento valido anche per ciclomotori e motocicli euro 0, ma solo fino al 31 marzo. Fermi invece fino al 31 marzo 2021, dal lunedì al venerdì e dalle 8 alle 19, i diesel euro 3, siano essi ad uso persone (M1) o merci (N1, N2, N3).

Sono esentati dal blocco i veicoli euro 0 e diesel euro 1 e 2 diretti presso officine e centri autorizzati al fine di effettuare la revisione o la rottamazione, quelli di interesse storico e collezionistico per partecipare alle manifestazioni.

Per gli euro 3 e 4 diesel l’esenzione scatta in caso di veicoli al servizio di manifestazioni autorizzate e di operatori economici che partecipano mercati settimanali e fiere (mercatali e artigiani) soltanto tra le 8 e le 8,30 e tra le 14 e le 16, fino al 31/12/2020 (per gli euro 3) e 01/10/2021 (per gli euro 4).

Deroghe sono stabilite anche per i veicoli utilizzati da lavoratori turnisti o che stiano rispondendo a chiamate di reperibilità o ancora da quelli la cui abitazione o il luogo di lavoro non siano serviti da mezzi pubblici nel raggio di un chilometro, quelli guidati da ultrasettantenni, oltre che per i veicoli utilizzati per il trasporto dei portatori di handicap e di persone con gravi patologie o sottoposte a terapie, interventi, esami o dimesse da ospedali e case di cura.

I provvedimenti riguardano anche altri 31 Comuni della provincia torinese. Sono interessati i comuni di Alpignano, Beinasco, Borgaro Torinese, Cambiano, Candiolo, Carignano, Carmagnola, Caselle Torinese, Chieri, Chivasso, Collegno, Druento, Grugliasco, Ivrea, La Loggia, Leinì, Mappano, Moncalieri, Nichelino, Orbassano, Pianezza, Pino Torinese, Rivalta di Torino, Rivoli, San Mauro Torinese, Santena, Settimo Torinese, Trofarello, Venaria Reale, Vinovo, Volpiano.

Articolo precedenteDisastro di piazza San Carlo, processo al via
Articolo successivoA26, auto investe cinghiali e finisce fuori strada: due morti

Rispondi