Un centinaio di famiglie che risiedono in via Goito a Grugliasco sono rimaste senza corrente in casa per danni ai generatori, uno dietro l’altro. L’inizio della triste avventura è mercoledì 11 novembre 2020, dove la corrente è stata tolta dai tecnici per dei lavori sulle cabine elettriche.

A quel punto sono entrati in funzione i generatori alternativi, per permettere ai residenti di avere la corrente durante i lavori, che però si sono rotti e, quindi, fino alle 23.30 non c’è stato nulla da fare.
Come se non bastasse, il gasolio è stato perso dai generatori, rendendo le strade viscide.

“Ho espresso il mio personale sdegno per la modalità con cui la vicenda è stata gestita, perché non trovo normale la rottura di diversi gruppi elettrogeni” ha dichiarato Raffaele Bianco, assessore ai lavori pubblici della città “Ho chiesto la pulizia immediata della strada dal gasolio fuoriuscito dopo la rottura da uno dei generatori, e una verifica urgente e immediata dal punto di vista ambientale”.

I circa 100 residenti hanno inviato decine di mail e telefonate di protesta, soprattutto in periodo di smart-warking molti sono stati impossibilitati a lavorare, senza contare la didattica a distanza e a danni che si potrebbero causare da una continua mancanza di ‘luce’.

Articolo precedenteUcraino su un ‘ciao’ rubato 29 anni fa scippa una pensionata, beccato
Articolo successivoValentino, da Trento a Torino per montare il nuovo Ospedale
Giornale indipendente di Torino.

Rispondi