Un milione di euro per iniziative rivolte a pazienti con Alzheimer o altre malattie neurodegenerative. E’ la donazione effettuata da Achille Burocco, imprenditore nel settore valvole di Pray (Biella), nei confronti dei Servizi sociali dell’Unione Montana dei Comuni della Valsesia.

Il 92enne valsesserino aveva già comunicato a inizio 2020 all’ente presieduto da Pierluigi Prino la propria intenzione, ma la pandemia ha dilatato i tempi.
La somma è destinata al progetto “La pagina bianca” dell’Unione, che prevede la ricerca e formazione di personale medico per le persone con problematiche neurodegenerative, e al supporto dei soggetti con queste patologie sia nei centri diurni dell’Unione Montana Valsesia (in Valsessera e Valsesia) sia a livello domiciliare.

“La donazione di Burocco è un grande gesto d’amore per il territorio – sottolinea Franceso Nuniziata, assessore al Socio-assistenziale dell’Unione Montana Valsesia – che darà grande sollievo a tante famiglie afflitte dal senso di impotenza che si percepisce quando si assistono persone colpite da malattie legate all’età. Grazie ai fondi riusciremo ad offrire supporto in diversi modi e a molte più persone di quelle che seguiamo attualmente”.

Articolo precedenteCade cemento da un palazzo, grave una 43enne: portava la figlia scuola
Articolo successivoAvvelena il collega perchè ‘si sentiva bullizzato’
Giornale indipendente di Torino.

Rispondi