Intervento dei vigili del fuoco per un incendio al Xò Cafe, sotto i portici di via Po a pochi metri da piazza Vittorio Veneto, nel centro di Torino.

Dal locale si vede uscire in strada del fumo e l’accesso a quel tratto di portici è stato interdetto.
Negli anni Settanta il locale era noto col nome di Angelo Azzurro, tristemente famoso per l’assalto a colpi di molotov durante un corteo di protesta organizzato da Lotta Continua.

Era il primo ottobre 1977 e nell’assalto rimase gravemente ustionato un avventore, Roberto Crescenzio. Studente lavoratore di 22 anni che morì due giorni dopo in ospedale.

Articolo precedenteDramma a Pinasca. Cacciatore muore per un colpo partito dal suo fucile
Articolo successivoBorgo Vittoria, le ecoisole sono già discariche a cielo aperto
Giornale indipendente di Torino.

Rispondi