Il Piemonte passa dalla zona rossa a quella arancione e le strade del centro di Torino si affollano. È bastato che i negozi rialzassero le serrande per vedere le vie del centro cittadino tornare a vivere, piene di gente e con lunghe code sui marciapiedi.

Una domenica mattina, la prima in zona arancione per la città, che ha inizio con code fuori dai negozi e con una folla di gente ancora prima dell’apertura. 
Tanti commercianti hanno riaperto con sconti e promozioni prolungando così il ‘Black Friday’ e attirando i clienti.
“Approfitto degli sconti anche per gli acquisti di Natale, non si sa mai che richiudano tutto” spiega una signora in fila per entrare in un negozio.

Molti i clienti davanti ai bar per le consumazioni da asporto. “Per noi è puro ossigeno” dicono i gestori di un negozio di abbigliamento in una traversa della centralissima via Roma.

La folla prende d’assalto il centro entrato in ‘zona arancione’

L’appello della Sindaca Chiara Appendino: “Si può passeggiare e fare shopping in modo responsabile”. L’invito che dedica un post Facebook all’uscita del Piemonte dalla zona rossa. “Oggi è una bella giornata, dopo settimane di limitazioni, riaprono i negozi e sono consentiti gli spostamenti all’interno del proprio comune. Due raccomandazioni: supportiamo i negozi di vicinato e, nel contempo, non abbassiamo la guardia”.

Piemonte in zona arancione, ecco cosa cambia


   

Articolo precedenteIl nuovo trucco per aprire le case e rubare, arrestati due stranieri
Articolo successivoMolinette, la scoperta: ecografia al polmone può diagnosticare il covid

2 Commenti

Rispondi