Nel fine settimana si sono verificati alcuni disagi nei supermercati cittadini. Infatti si sono riscontrati i primi segnali di “scaffali vuoti” nei centri della grande distribuzione.

I timori per le proteste degli autotrasportatori contro il caro carburanti e la paura che la guerra in Ucraina possa avere sviluppi anche nel nostro Paese, han fatto scattare i primi accaparramenti di generi alimentari.

Lucia, un’addetta alle casse dell’Ipercoop di via Livorno intervistata dall’ANSA, ha spiegato che “dal fine settimana c’è stato un vero e proprio assalto agli scaffali. Pasta, farina e sale sono i prodotti più comprati”. I banchi sono stati praticamente svuotati, anche se non c’è una carenza nelle scorte.

“La gente per una psicosi immotivata riempie il carrello molto più di prima e per noi diventa difficile stare dietro al rifornimento degli scaffali. – Spiegano gli addetti del supermercato -. Ecco perché molti di questi sono visibilmente vuoti, ma i magazzini sono pieni e le scorte non mancano”.

Articolo precedenteIndividuato il relitto dell’aereo precipitato a Groscavallo
Articolo successivoMangiava e dormiva a “scrocco” negli hotel da anni, arrestato truffatore
Cronaca, quartieri, politica, esteri

Rispondi