La Stazione Rebaudengo/Fossata, da pochi anni in attività, è diventato un bivacco per i pusher. Soprattutto nella parte esterna, quella che non è ancora completamente ultimata.

Una stazione ‘operaia’ utilizzata giornalmente da pendolari, studenti e pensionati per i loro spostamenti. Ma che di notte si trasforma anche in un ‘motel per pusher’.

Nella parte esterna e superiore della Stazione, mai ultimata, sono comparse delle tende improvvisate che danno ricovero notturno e diurno ai pusher africani che spacciano all’interno del Parco Sempione. In prossimità della ex ditta San Giorgio Flowers, in demolizione finalmente, e dell’area cani Brenta/Fossata.

Stazione Rebaudengo, i pusher e il quartiere

I cittadini di Borgo Vittoria che risiedono nella prossimità della stazione ha segnalato più volte la tendopoli. Anche per il fatto che l’accampamento è di fronte alla scuola elementare Edi Franchetti.

I pusher per accedere al loro ‘motel’ scavalcano la recinzione adiacente all’entrata della stazione come se nulla fosse, anche in presenza dei fruitori del servizio ferroviario metropolitano. Cinzia, residente della zona ha dichiarato che “uscendo dalla stazione mi sono ritrovata questo ragazzo quasi addosso mentre saltava giù dalla recinzione”. E prosegue “non è normale ritrovarsi simili situazioni anche in pieno giorno, senza che le autorità o l’amministrazione comunale prendano provvedimenti”.

Articolo precedenteVia Pietro Cossa, monopattino travolto da auto. È polemica
Articolo successivoMetanolo nell’alcol, sequestro e denunce alla dogana
Cronaca, quartieri, politica, esteri

1 commento

Rispondi